A cena da (e con) Gennaro Nasti, il pizzaiolo di Parigi.

“Se passi da Parigi fatti sentire” mi aveva detto Gennaro Nasti il giorno in cui ci siamo incontrati a Verona in occasione dell’ultimo Vinitaly, ospiti entrambi allo stand di Terra Moretti.

E così ho fatto. Una volta arrivata nella ville lumiere, l’ho chiamato e ho prenotato un tavolo per due.

Sono andata a cena da Bijou una sera di Agosto, in compagnia di un amico fotografo (autore di questi scatti), e mi sono sentita accolta da Gennaro come se la nostra fosse un’amicizia di lunga data. Sorseggiando champagne sulla piazzetta davanti al locale, ho aspettato il mio tavolo parlando con Gennaro di questo suo piccolo “gioiello” che ha poco più di 30 coperti e che da quasi due anni, nonostante una partenza in salita, fa il pieno ogni giorno, sia a pranzo che a cena.

Il locale è tanto piccolo quanto curato in ogni dettaglio, con un atmosfera a metà tra il retrò dei tipici locali di Montmartre e il design contemporaneo. Luce soffusa, calici per il vino, tovaglioli in stoffa, anche qualche tavolo conviviale, forno a legna e una lampada rossa vicina al forno, trucco (e segreto!) dello chef pizzaiolo. Il menù ricco di ingredienti di qualità, biologici, dop e presidi Slow Food, si suddivide in pizze contemporanee, che variano con frequenza mensile, e pizze classiche e napoletane ad onorare le origini.

Scelgo di non scegliere e lascio che Gennaro decida per me, facendomi guidare alla scoperta delle sue pizze in un viaggio fatto di tradizione, quella campana delle sue origini ma anche quella italiana dei suoi prodotti, e innovazione, che si ritrova nelle tecniche (come la lievitazione in barattoli o l’impasto con champagne) e negli abbinamenti.

Come potrebbe iniziare una degustazione un buon pizzaiolo campano, se non con una montanara? Con quattro montanare! Impasto di farina semi integrale uguale per tutte, topping differenti: una con ragù antico senza carne e crema di ricotta di bufala, una con zucchine alla scapece, una con crema di ricotta di bufala e ‘nduja e una con stracciatella e perle di tartufo.

Si prosegue con la Melanzana, una “pala” bianca realizzata con impasto di segale condita melanzane a funghetto, pomodoro datterino siciliano, pesto, stracciatella e olio d’oliva. Anche in questo caso, la conquista del nostro palato è affidata ai sapori del Sud Italia.

Il terzo assaggio è un vero colpo di fulmine. Una pizza marinara realizzata con impasto 100% integrale, pomodoro San Marzano cotto alla brace e schiacciato a mano, origano di Pantelleria, aglio rosso abruzzese e olio di coratina. Non ho mai provato tanto gusto nel mangiare una pizza rossa, cosi semplice per altro, come in questo caso!

Concludiamo con la Salata, una tra le proposte innovative del menù: impasto al mais, friarelli saltati con aglio, olio e peperoncino sotto ad una tartare di fassona con erba cipollina, pepe in grani del Vietnam e scorza limone, con aggiunta di pecorino sciolto leggermente con il cannello.

Eccezionalmente per l’occasione ad ogni pizza abbiamo abbinato un vino diverso, scelto appositamente da Gennaro dalla sua interessante carta dei vini. Carta che è quasi tutta made in italy ma che lascia comunque spazio a qualche vino francese o estero e agli champagne. Inoltre, sul menù non manca una proposta di birra e qualche cocktail.
Dopo essersi fatto apprezzare come pizzaiolo “verace” (grazie al suo altro locale parigino, Popine), Gennaro è riuscito meritatamente a conquistare i francesi anche con la sua idea di pizza gourmet, che non tradisce le origini ma che è in continua evoluzione. E adesso che ce l’ha fatta, quale sarà il suo prossimo obiettivo?
In attesa di scoprirlo, posso dire che cenare da Bijou, forse perché adoro Parigi o forse perchè di pizza non ne avrei mai abbastanza, era per me un piccolo sogno.

Che ora è diventato realtà.


BIJOU

10 Rue Dancourt, 75018 – Parigi

Tel. +33 1 42 57 47 29

Pizze da 16€ a 36€, pizza Margherita 16€

Annunci

Non solo vino al Vinitaly, ma anche tanta pizza!

Dal 15 al 18 Aprile a Verona torna Vinitaly, la più grande fiera italiana dedicata al vino e ai distillati.

Durante i giorni della manifestazione, sono molti gli espositori che scelgono di accogliere i clienti organizzando presso i propri stand eventi di vario genere, tra cui abbinamenti gustosi vino-pizza!

Questi gli appuntamenti “a tutta pizza” da segnare in agenda:

Schermata 2018-04-12 alle 14.43.25

Il 15 Aprile, il Double Decker di Tannico ospiterà un esclusivo food & wine pairing in collaborazione con i Salumi Levoni e le Cantine Ferrari. Al “volante” il pizzaricercatore  Renato Bosco, che ci guiderà in una degustazione di assaggi differenti abbinati a calici di Trento DOC.

 

Il 16 e 17 Aprile nel Lounge Zonin si terranno due incontri con la pizza. Lunedì 16 il maestro Enzo Coccia abbinerà la pizza napoletana al Prosecco DOC Zonin, mentre martedì 17 il protagonista sarà nuovamente il veronese Renato Bosco, che animerà l’incontro tra il lievito madre e le bollicine del Rosamaro Brut della Masseria Altamura.

Schermata 2018-04-12 alle 16.08.45Lunedì 16 Aprile i maestri pizzaioli Denis Lovatel e Guglielmo Vuolo saranno ospiti allo stand del Consorzio Tutela Prosecco DOC insieme a Le5Stagioni – Agugiaro&Figna Molini, per presentare rispettivamente il crunch e la pizza fritta in abbinamento alle bollicine del Consorzio. L’evento sarà l’occasione per presentare il progetto internazionale di promozione dell’abbinamento della carta dei prosecchi a tutte le tipologie di pizza nel mondo.

Schermata 2018-04-12 alle 15.14.32

Infine, dal 15 al 17 Aprile, presso lo stand di Bellavista (Pad. 7) saranno 3 i pizzaioli che proporranno le loro creazioni in abbinamento alle bollicine del gruppo Terra Moretti. Domenica 15 alle pizze del giovane Stefano Vola sarà accostato lo Spumante Torbato Brut di Sella e Mosca, lunedì 16 il toscano Giovanni Santarpia prepararà una pizza da offrire con un calice di Brut Contadi Castaldi e per finire martedì 17, arriverà da Parigi, Gennaro Nasti, che proporrà un ulteriore abbinamento con il Torbato Brut di Sella e Mosca.

E per quando chiude la Fiera, tante le “pizza-possibilità” per la cena a Verona e dintorni. Da I Tigli di Simone Padoan, alle tre declinazioni di Saporè (firmate Renato Bosco), al cittadino Du De Cope, per citare alcuni… sempre che troviate posto!